Organizzazione per la Preparazione Professionale degli Insegnanti


Proposte formative – Autunno 2017

Proposte formative – Autunno 2017

ottobre 2017 – gennaio 2018

Oltre alle nostre tematiche più generali e consolidate (competenze, inclusione, valutazione, gestione della classe, metodologie attive e collaborative…) segnaliamo nuovi percorsi di formazione su alcune delle complesse e in alcuni casi inedite dimensioni del fare scuola.
Ai partecipanti sarà consegnato attestato di partecipazione valido ai fini della formazione. L’organizzazione degli incontri potrà subire modifiche per eventuali problemi organizzativi.

Iscrizione solo al corso Il valore formativo dell’informatica Iscrizione a tutti gli ALTRI incontri

Di seguito l’elenco con gli approfondimenti – Cliccare sul titolo per espandere la descrizione

Il Mondo di Google - Blended – 13/10 20/10 27/10 10/11


Una cassetta di attrezzi e applicativi per la didattica in classe
L’uso ormai sempre più esteso degli strumenti digitali, della rete Internet, del cloud computing e dei supporti applicativi ad esso collegati, rende sempre più necessario conoscere e sviluppare quelle competenze digitali di base e avanzate come il saper “leggere, scrivere, comunicare, pubblicare, creare, navigare, ricercare, analizzare, condividere e archiviare”. Google, fondato da Larry Page e Sergey Brin, non ha bisogno di presentazioni, nasce originariamente come browser per Internet e la sua mission è quella di organizzare le informazioni a livello mondiale per renderle universalmente accessibili e utili a tutti. Il suo sito è il più visitato della rete Internet e ogni giorno il suo motore di ricerca, progettato per “premiare” le pagine con un maggiore numero di link e di citazioni, viene cliccato da milioni di persone di tutto il mondo.
Oggi “Big G” è diventato una delle aziende più importanti del mondo. Le tecnologie e gli strumenti disponibili proposti dal mondo di Google permettono agli operatori scolastici e agli educatori di disporre di una “cassetta di attrezzi e di applicativi “ da
utilizzare in classe e in modo significativo nell’ambito della propria didattica. Tali risorse richiedono però una conoscenza ed un utilizzo un po’ più approfondito che prevede maggiore proprietà, dimestichezza, professionalità e consapevolezza. Nelle sue recenti evoluzioni Google ha abbracciato una quantità enorme di possibilità e di alternative di utilizzo, anche tramite i diversi dispositivi su cui è installato ed è disponibile, tutto un mondo nascosto di cui molti ignorano l’esistenza e le nuove potenzialità offerte.
Formatori
Equipe Formazione Digitale
Date incontri in presenza
13/10 20/10 27/10 10/11 – Orario: 15.00-18.00
Iscrizioni: entro il 10/10/2017
Scarica il Volantino Iscriviti

Il valore formativo dell’informatica – 18/10 23/10 26/10


Quale informatica? – Tre laboratori per scoprire il valore educativo di questa disciplina
(per docenti di ogni materia, delle scuole primarie e secondarie di primo grado, anche senza formazione specifica in informatica)
L’informatica a scuola spesso si limita all’uso di computer, tablet e programmi applicativi. Anche il pensiero computazionale, il coding o la programmazione, la comprensione dei principi e dei metodi fondamentali dell’informatica meritano di essere inseriti nella pratica scolastica e sono proponibili fin dalla scuola primaria. Questa disciplina infatti contribuisce a sviluppare la capacità di ragionare in maniera più rigorosa, strutturata, astratta, una competenza importante in molti ambiti della vita di ogni giorno.
Formatori
Laboratorio ALaDDIn – Università degli Studi MI
Date incontri
18/10 23/10 26/10
Scarica il Volantino Iscriviti

La postura del formatore - 28/10


Che si tratti di una formazione detta “classica” o ancor di più quando si tratti di erogare formazione attraverso metodi di lavoro esperienziali, la questione della postura del formatore si rivela essenziale.
Come condurre, che comportamento assumere, come gestire l’accoglienza, l’ascolto, la benevolenza, come intervenire, quanto e quando? In che modo assumere il proprio ruolo in aula e come mettere la propria persona al servizio dell’obiettivo comune.
Aldilà della centralità dei contenuti, delle esercitazioni o delle modalità, come verificare l’avvenuta comunicazione del sapere, la postura che il formatore prende in aula è determinante per come si vuole trasmettere.
Formatore
L. Veneziani
Data incontro
28/10
Scarica il Volantino Iscriviti

Le figure di sistema nell’organizzazione scolastica – 30/10 06/11 13/11 20/11 27/11 11/12


La scuola come sistema complesso – le figure di sistema nell’organizzazione scolastica
Il corso si rivolge a tutti i docenti che ricoprono, o intendono ricoprire, ruoli di gestione e organizzazione (figure di sistema, staff della dirigenza, responsabili di progetto, ecc.) e ha lo scopo di consolidare e potenziare tutte le competenze trasversali necessarie a chi ricopre funzioni di coordinamento e deve quindi progettare azioni coerenti al proprio ruolo.
La proposta formativa prevede un corso a struttura modulare, costituito da brevi unità teorico/pratiche. Ricerche d’aula, simulazioni, lavori di gruppo porranno l’utente come soggetto attivo e risorsa del proprio apprendimento.
Il corso si articola in due moduli coordinati ma autonomi, è possibile quindi seguirne anche uno solo:
Primo modulo: “Progettare le azioni relative al proprio ruolo” Secondo modulo: “Gestire, monitorare, valutare progetti e azioni”.
Formatore
Direzione A.Varani
Date incontri
30/10 06/11 13/11 20/11 27/11 11/12
Scarica il Volantino Iscriviti

Realtà aumentata - Blended - 15/11 22/11 29/11


Comunicazione e apprendimento “aumentati” in classe
Lo sviluppo dei dispositivi portatili (mobile device, siano essi laptop, smartphone o tablet) e delle differenti tecnologie digitali, che unificano il mondo di tutti i giorni con l’informazione virtuale, hanno permesso di realizzare delle apps di realtà aumentata facilmente disponibili che stanno entrando a far parte del nostro quotidiano e che permettono di fruire di informazioni digitali attraverso la manipolazione di oggetti reali. Le fotocamere e gli schermi presenti nella maggioranza degli smartphones e negli altri dispositivi portatili, sono ormai strumenti pensati e creati per svolgere anche il compito di “fondere” i dati del
mondo reale con quelli virtuali. La AR oggi raffigura un
concreto progresso destinato a integrare e modificare la
nostra quotidianità in tutti gli ambiti e settori della attività
umana e naturalmente anche nell’ambito educativo (e-
learning). La Realtà Aumentata è ormai classificata tra le
tecnologie emergenti ed è destinata ad entrare a far parte di
un utilizzo collettivo nella vita di tutti i giorni e ha pertanto un
potenziale unico e promettente per unificare le attività del mondo reale e le esperienze digitali, consentendo a tutti gli utenti (alunni e docenti) di impegnare la loro immaginazione e stimolare la creatività. L’utilizzo dell’AR sui dispositivi mobili moderni permette di potenziare e favorire le attività creative del mondo reale, sostenere l’istruzione, e aprire nuove possibilità di interazione. L’utilizzo della AR consente il passaggio da un metodo “insegno-ascolto” a un metodo di apprendimento più attivo, partecipativo e coinvolgente in cui gli studenti si assumono la responsabilità del loro apprendimento e diventano partecipanti impegnati piuttosto che passivi osservatori.
La AR, nel processo d’insegnamento, permette di rendere possibile:

  1. la realizzazione di scenari di vita reale in classe, oltrepassando la descrizione teorica
  2. l’abbinamento di informazioni teoriche ad attività pratico-sperimentali anche tramite un
    metodo più ludico
  3. l’apprendere facendo, senza conseguenze reali in caso di errori
  4. l’utilizzo di Tag e di etichette (marker) per realizzare link anche visivi, più facilmente
    condivisibili e comprensibili
  5. la modellizzazione di oggetti in svariati scenari
  6. la realizzazione e/o l’impiego di progetti e percorsi di fruizione museale/archeologica anche
    con esperienza immersiva
  7. la realizzazione e/o l’utilizzo di materiali librari integrati con la realtà aumentata

Formatori
Equipe Formazione Digitale
Date incontri in presenza
15/11 22/11 29/11
Scarica il Volantino Iscriviti

Educare all’incertezza: insegnare la probabilita - 30/11̀


Negli ultimi anni gli istituti comprensivi si trovano a dover affrontare la sfida del progettare curricoli in verticale. Spesso la progettazione di percorsi didattici richiede un grosso sforzo anche nel coniugare gli aspetti emotivi a quelli cognitivi.
Emblematico, da questo punto di vista, è il tema della Probabilità, difficile da affrontare nella scuola perché il tema dell’incertezza non è inserito tradizionalmente nei percorsi di matematica. Diversi risvolti legati a preconcezioni e misconcezioni rendono ancora più complessa la progettazione di interventi didattici in questo ambito.
Per molti insegnanti è necessario scoprire o riscoprire una progettazione didattica che valorizzi culturalmente questo ambito della matematica e che nello stesso tempo educhi ad affrontare con strategie e metodi adeguati i problemi. È molto importante che questo tipo di educazione parta dalla scuola di base per preparare ad eventuali approfondimenti negli studi successivi.
Questo pomeriggio di formazione proporrà inizialmente una breve introduzione per inquadrare i presupposti teorici e poi una riflessione sui significati di incertezza – casualità – probabilità.
I docenti saranno guidati quindi, a partire da alcuni problemi proposti, ad analizzare possibili attività didattiche, anche con l’aiuto delle nuove tecnologie per la simulazione di fenomeni, e soprattutto a discutere sulle problematiche didattiche legate a questo insegnamento.
Formatore
Rosa Iaderosa
Data incontro
giovedì 30 novembre, ore 15.00 / 18.00
La partecipazione è gratuita, è richiesto l’abbonamento annuale alla rivista OPPInformazioni (€ 20).
Scarica il Volantino Iscriviti

Big History, la complessità, le competenze - 15/11


La progettazione di attività didattiche in funzione delle competenze
(scuola primaria, scuola secondaria di primo secondo grado)
Big History è un movimento accademico internazionale che cerca di costruire la storia integrata del Cosmo, della Terra, della vita e dell’Umanità. A questo scopo utilizza le migliori evidenze empiriche disponibili che emergono collegando i contributi più recenti delle ricerche in numerose discipline. Facendo uso di approcci multidisciplinari che combinano le discipline umanistiche e quelle scientifiche costruisce cornici di lungo periodo in cui esplora l’esistenza umana nel contesto di grandi rappresentazioni. Per una efficace sintesi del pensiero Big History è reperibile un breve filmato lingua inglese (ma è possibile selezionare sottotitoli in italiano) :

Il pensiero ed il materiale messo a disposizione sul web da questo movimento forniscono agli insegnanti eccellenti opportunità per lavorare insieme su un tema complesso e multidisciplinare. Possono così proporre agli studenti indagini da realizzarsi in forma collaborativa attraverso lavori di gruppo. L’osservazione degli studenti impegnati nelle indagini può fornire indicazioni significative sulle loro competenze.
In questo pomeriggio di formazione si esamineranno, discutendoli, possibili percorsi di indagine funzionali all’acquisizione dei traguardi di competenze previsti dalle Indicazioni nazionali.
La stessa tematica, che è stata sperimentata negli ultimi tre anni in numerose scuole, può essere affrontata in forma più ampia come corso di formazione presso le scuole o presso la sede dell’OPPI
Formatori
A. Codetta – Equipe di ricerca Big History
Data
Mercoledì 15 novembre, ore 15.00 / 18.00 Presso OPPI, via Console Marcello, 20, Milano
La partecipazione è gratuita.
Scarica il Volantino Iscriviti

Condividi:

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

iscriviti alla newsletter